2 mode SEO del 2014

2 mode SEO del 2014

Gli anni passano e gli amici restano, ma con il passare del tempo cambiano le strategie di ottimizzazione impiegate da Webmaster ed esperti SEO di tutto il mondo. In questo nuovo articolo scopriremo 2 mode SEO del 2014.

Gli algoritmi di Google cambiano continuamente per essere in grado di fronteggiare lo SPAM, ovvero tutte quelle pagine web create in modo automatico, per manipolare i risultati delle SERP. Allo stesso tempo, gli ingegneri di Mountain View lavorano per offrire risultati di ricerca sempre più pertinenti alle nostre esigenze, per essere sempre il miglior motore di ricerca al mondo.

Abbiamo identificato quali sono le strategie SEO che vanno di più, ovvero quelle più alla moda, sia tra gli esperti SEO italiani che quelli internazionali. Anche se definire “moda” una strategia di ottimizzazione su Google può sembrare un po’ stupido, ci è sembrato il termine più giusto.. visto che sono “passeggere” e fra qualche anno saranno “fuori moda”.

Moda numero uno: la negative SEO

Quando sentiamo parlare di “Negative SEO“, ovvero lavorare per far penalizzare un nostro concorrente, pensiamo subito che sia una cosa sensata e piuttosto semplice. In effetti, se ci sono così tanti modo per essere penalizzati su Google, perché non penalizzare un nostro concorrente piuttosto che cercare di superarlo?

Moda numero due: la semantica

Con tutte le penalizzazioni per Link Building forzata che sono emerse in questi anni, lavorare sulla semantica e sull’ottimizzazione interna di un sito web è più logico che mai fino ad oggi. Ma lavorare sui sinonimi,  sulla semanticità di una parola chiave e sulla Long Tail non è una scelta dettata dagli algoritmi di Google, bensì dalle abitudini delle persone che stanno subendo una rapida evoluzione. Sembra proprio che Smartphone, connettività veloce e 24 ore al giorno stiano cambiando sia il modo con cui le persone ricercano informazioni, sia che cosa cercano su Internet.

Cosa ne pensi di questi 2 fenomeni del momento? Sono utili ai fini dell’aumento di qualità nei risultati alle ricerche? Dimmi la tua attraverso il modulo dei commenti!

Questo articolo ha già ricevuto 1796 visite! Contribuisci ad aumentare la popolarità, condividilo sui tuoi Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *